problems clearing cache file /home/user/user0287/cache/refTableSQL/.pureftpd-upload.552654fe.15.2d2d.d477546d Prestito della Speranza problems clearing cache file /home/user/user0287/cache/refTableSQL/.pureftpd-upload.552654fe.15.2d2d.d477546d
Errore
  • JFTP::delete: Bad response
  • JFTP::delete: Bad response
  • JFTP::delete: Bad response
problems clearing cache file /home/user/user0287/cache/refTableSQL/.pureftpd-upload.552654fe.15.2d2d.d477546d
Prestito della Speranza PDF Stampa E-mail

"Prestito della Speranza"

Prestito Della Speranza

Il Prestito della Speranza nasce nel 2009 per iniziativa della CEI (Conferenza Episcopale Italiana) in collaborazione con l’ABI (Associazione Bancaria Italiana), per favorire una nuova modalità di sostegno alla condizione di vulnerabilità economica e sociale di alcune categorie di Persone, Famiglie e Piccole Imprese che non consentitebbero loro l’accesso al credito per le vie ordinarie.  Con tale progettualità la CEI intende perseguire l’inclusione sociale e lavorativa della persona, facendo leva sulla responsabilità personale e sulla libera iniziativa e di favorire una ripresa economica e la creazione di lavoro. La Speranza e anche che il buon esito dei piani di ammortamento dei Prestiti erogati generi, un virtuoso meccanismo di solidarietà perpetuabile nel tempo.  Ciò consentirebbe di garantire un numero di finanziamenti sempre maggiore e, più in generale, di creare “valore sociale” e di alimentare un processo di inclusione finanziaria sempre più ampio.

Ai sensi della Convenzione, possono essere ammessi ai finanziamenti concessi dalla Banca:

1. Persone fisiche e famiglie che versino in situazione di vulnerabilità economica e sociale.

Si tratta di finanziamenti di importo non superiore a 7.500 euro, TAN non superiore al 2,5%, erogabili in più tranche periodiche. E’ previsto un periodo di preammortamento di 12 mesi; il finanziamento ha durata massima di 6 anni incluso il periodo di preammortamento. Non si applicano al finanziamento le penali di eventuale estinzione anticipata.

Possono richiederlo:

  • persone in difficoltà economica-finanziaria, disoccupati e cassaintegrati a causa della crisi economica, giovani in cerca di prima occupazione, lavoratori precari, giovani coppie che necessitano di beni e servizi di prima necessità escludendo il sostegno a spese voluttuarie e superflue;
  • categorie di persone disagiate in grado di intraprendere un nuovo progetto di lavoro.

I richiedenti , se persone fisiche, devono essere in possesso di almeno uno dei seguenti requisiti:

  • certificazione ISEE rilasciata da ente ufficiale abilitato, attestante lo stato di necessità;
  • nel caso di disagio, malattia, o invalidità: copia della documentazione attestante la circostanza, rilasciata dall’INPS o da altro organo competente (Ente pubblico, Asl….)
  • nel caso di disoccupazione: lettera di Licenziamento e periodo di preavviso o fine contratto, o iscrizione alle liste di disoccupazione.

 

2. Microimprese - Credito “all’impresa” riservato alle microimprese.

Sono finanziamenti di importo non superiore a 25.000 euro, erogati in una unica tranche, se non diversamente concordato tra Banca e Cliente, per l’avvio o lo sviluppo di un’iniziativa imprenditoriale o di lavoro autonomo, TAN non superiore al 4,50% . E’ previsto un periodo di preammortamento di 12 mesi; il finanziamento ha durata massima di 6 anni incluso il periodo di preammortamento. Per un prestito di 25.000 euro, la rata mensile indicativa è di 468 euro. In nessun caso si applicano le penali di estinzione anticipata.

Possono richiederlo:

  • persone disagiate, in grado di intraprendere un nuovo progetto imprenditoriale ( Le Microimprese ,che incontrino difficoltà di accesso al credito per realizzare investimenti sostenibili di crescita e sviluppo oppure sono in fase di avvio,
  • imprese individuali,
  • società di persone,
  • R.L. semplificata ex art. 2463 bis c.c., j) società cooperative*

*come definite dall’articolo 18, comma 1, lett. d-bis, del D. Lgs. 6.9.2005, n. 206 (Codice del Consumo).

Alle “Microimprese” viene richiesto:

  • Iscrizione alla Camera di Commercio e partita IVA;
  • Bilancio degli ultimi tre anni o di un periodo inferiore equivalente all’intero periodo di attività,
  • Business-plan del progetto di rilancio;
  • Business plan di start up di nuova attività;
  • Regolarità delle posizioni fiscali e contributive (DURC).

 

 

Per ulteriori approfondimenti:  http://www.prestitodellasperanza.it/

________________________________________
Referente dell’Arcidiocesi di Palermo: Francesco Montalbano

 


Iscriviti alla newsletter

per essere informato su notizie, eventi della Caritas diocesana di Palermo

Siti amici

Link Utili

2012 Caritas diocesana di Palermo - Credits

problems clearing cache file /home/user/user0287/cache/refTableSQL/.pureftpd-upload.552654fe.15.2d2d.d477546d